lunedì 27 aprile 2009

Ma ora non si illuda il Milan


Dopo la sconfitta di ieri sera al San Paolo del'Inter contro i partenopei in molti già ieri sera e ancor di più oggi sulle prime pagine dei giornali si sono esaltati riempendosi la bocca di frasi quali: "campionato riaperto", "ora il milan ci crede", "occhio al Milan" e via discorrendo. Tutto questo entusiasmo mi pare essere oltre che ingiustificato, fuori da ogni logica. Quella di ieri sera è la terza sconfitta di tutto il campionato per l'Inter e, nonostante sia arrivata inaspettatamente, il campo del Napoli è da sempre ostico per le big ( pareggio milanista e sconfitta per la Juve quest'anno). Una sconfitta che quindi a conti fatti non è certo segno di un calo fisico degli uomini di Mourinho, ma forse solo figlia di una eccessiva sicurezza neroazzurra e di un grande cuore e temperamento partenopeo che andava alla ricerca della prima vittoria della gestione Donadoni. Il Milan dal canto suo sta, come sempre, finendo la stagione in crescendo, Inzaghi ormai fa partire i rossoneri dall'1-0, il ritorno di Kaka a pieni giri e un centrocampo con un Ambrosini super in forma danno solidità e fantasia alla squadra di Ancelotti. Ma per pensare che questo campionato sia ancora aperto bisognerebbe dare per certo che in primis i rossoneri andranno a vincere tutte e 5 le restanti partite, e in secondo luogo che l'Inter ne vada a perdere almeno due e pareggiarne una. Considerando che Zanetti & Co. giocheranno tre partite in casa e che dopo questi anni in vetta non hanno più le insicurezze e le paure del passato, e sopratutto che il Milan ci ha abituati a grandi exploit, ma anche a grandi amnesie bhè, pare abbastanza evidente che questo campionato sia bello che finito.
Ovviamente la matematica non chiude già i giochi, ma il buon senso non lascia scampo.

Nessun commento: