venerdì 31 agosto 2007

Sorteggi Champions e finale Supercoppa, riparte l'Europa


Tra ieri e oggi ripartono le gare e le manifestazioni delle coppe europee. E' di ieri infatti l'elenco dei gruppi che andranno a comporre l'edizione 2007/2008 della Uefa Champions League. Vediamo come saranno composti i gironi che interessano le squadre italiane: Milan, Benfica, Celtic Glasgow e Shakhtar Donetsk; Inter, PSV Eindhoven, Cska Mosca e Fenerbahce; Roma, Manchester, Sporting lisbona e Dinamo Kiev; Lazio, Real Madrid, Werder Brema e Olympiakos. Le teste di serie tra le italiane erano solo il Milan e l'Inter, le due squadre milanesi hanno evitato le squadre più temibili e hanno trovato un girone abbastanza semplice, sopratutto considerando la caratura delle due squadre e gli obbiettivi finali. La roma avrà la possibilità di rifarsi contro quel Manchester che la umiliò ai quarti di finale proprio all'Old Trafford. Per Spalletti e compagni sarà la ghiusta occasione per vendicare quell'impietoso 7-1. La Lazio invece incontra un girone abbastanza difficile, ovvio che bisognerà puntare al secondo posto, essendo il Real madrid il favorito d'obbligo. ma il Werder Brema non è una squadra da sottovalutare e, i greci, hanno il vantaggio del fattore campo che da sempre gioca notevolmente a loro favore. Tuttavia a mio parere le italiane hanno la possibilità di passare il turno tutte e 4, la Lazio che è la squadra più incerta ha comunque dalla sua un ottimo stile di gioco, dei buoni innesti e la certezza di potersela giocare con tutti,e perchè no, anche con il Real.
La stagione del calcio Europeo ieri ha visto il nascere dei gironi Champions, ma stasera vedrà alzare il primo trofeo di questa stagione. La supercoppa tra Milan e Siviglia purtroppo si giocherà in un clima irreale dopo la morte del giovanissimo Puerta. Il siviglia ha deciso di giocare questa partita, anche per onorare la figura del suo terzino, e il Milan, seppur tra qualche scetticismo ha accettato di scendere in campo. Stasera allora si giocherà, e si giocherà per vincere perchè una partita senza agonismo e senza voglia non sarebbe uno spettacolo per nessuno e tantomeno un modo per onorare la figura di Puerta. La formazione dei rossoneri sarà la stessa che ad Atene ha battuto il Liverpool, con l'unica differenza che sara Kaladze al centro della difesa, e non Maldini. Buona visione

giovedì 30 agosto 2007

Puerta, il calcio in lacrime


Lo sport più bello del mondo, il gioco che fa divertire milioni di persone, il più grande show e businnes, sono tanti i modi con i quali si può definire questo grande sport che è il calcio. Il songo di ogni ragazzino è qullo di giocare con la propria squadra del cuore, di vivere giocando, correndo e festeggiando per grandi vittorie. Un giovanissimo ragazzo spagnolo, Antonio Puerta, era riuscito a raggiungere il suo sogno, giocare nella Liga, essere un protagonista, correre dietro quel pallone e far sognare tanti altri ragazzi che come lui avrebbero voluto essere li, o che ancora sudano per arrivare li dove lui era arrivato con tanto sacrificio. ma alcune volte il destino è crudele, quel ragazzo aveva talento ma forse non il fisico per sopportare certi sforzi. Si è spento in un letto di opspedale dopo che in campo aveva avuto un arresto cardiaco. Si era alzato con le sue gambe, le speranze erano tante, si pensava potesse passare tutto e invece, negli spogliatoi altri attacchi e poi il triste epilogo in una camera di ospedale. Forse si poteva evitare, forse quegli svenimenti nei giorni precedenti al drammatico epilogo avrebbero potuto esser presi in modo più serio, ma i controlli avevano dato il via libero, tutto bene a dir dei medici. Ma purtroppo così non era, dopo un recupero il giovane si è accasciato sul campo di gioco, soccorso dai compagni di squadra, portato in ospedale, ma nulla ha potuto contro quel male che l'ha portato via ai suoi cari così giovane. Sarebbe diventato papà a breve, aveva davanti a se ancora tanto da vivere e da festeggiare, ma alcune volte il destino è crudele, e quidni come tutta Siviglia, la Spagna e il mondo del calcio, non ci rimane che unirci con le nostre più sentite condoglianze.

sabato 25 agosto 2007

INIZIA IL GRANDE SHOW


Finalmente si riparte, lo sport più amato dagli italiani riprende oggi a far divertire ed emozionare i milioni di fans che ogni anno seguono la propria squadra del cuore. In molti dicono che questo sarà il primo vero campionato di serie A dopo lo scandalo di calciopoli. E' sicuro che sarà uno dei campionati, almeno in apparenza e sulla carta, tra i più equilibrati e combattutti. Se l'Inter campione d'Italia infatti si è rinforzata con gli innesti mirati di Suazo e Chivu, la Roma ha completato la propia rosa con nomi che fanno sognare i tifosi, come Giuly e Cicinho, per non dimenticare Esposito o Juan. Altro discorso vale per il milan campione d'Europa, la squadra di carlo ancelotti è stata quasi immobile sul mercato convinta della propria forza e che un'ottima preparazione e una partenza senza handicap sarebbe stata sufficiente a colmare il gup con i neroazzurri. Poi vanno aggiunti gli innesti di Emerson, che a centrocampo è una certezza di valore e quello di Pato, un diciottenne dalle grandi prospettive e che sicuramente in questi mesi di impossibilità di disputare partite ufficiali, avrà il tempo di inserirsi e integrarsi con il "mondo-milan". Le altre squadre, capitanate dalla juventus vengono subito dietro e hanno voglia di stupire tutti. In primis proprio la Juve, che guidata da Ranieri e con una solida base di campioni affermati, prova a far amalgamere i nuovi arrivi e creare una seria concorrente almeno per la zona Champions. I primi quattro posti sono proprio quelli che creeranno la gabarre tra le piccole che sognano di diventare grandi. E alla griglia di partenza troviamo una Lazio che si vuole riconfermare, un Palermo che con Amauri e Miccoli ha uno dei migliori attacchi e la Fiorentina dei giovani, con in testa Montolivo e Pazzini. Non si devono poi dimenticare Napoli, Genoa e Torino, che cercheranno di sorprendere tutti, trascinati da una tifoseria presente ed accesa. E proprio le tifoserie creano il primo caso dell'anno sul fronte violenza, è stata infatti proibita la trasferta al tifo organizzato milanista dopo che a Genova in diversi muri della città erano apparse scritte violente e preoccupanti per il tranquillo decorso della partita. Speriamo siano state solo delle bravate e che la partita si svolga nel modo più corretto, regalando solo sport e spettacolo ai migliaia che affolleranno il marassi. E' tutto pronto e stasera si inzia, allora amanti del bel calcio tenetevi pronti, come meglio credete, perchè questo sarà un grande campionato.

venerdì 3 agosto 2007

PATO E' ROSSONERO, MA BASTA COSI'?


Il grande colpo che il Milan e i milanisti aspettavano è finalmente arrivato: il più grosso talento in circolazione, l'obbiettivo dichiarato dei più grandi clyub europei è finalmente diventato ufficialmente milanista. la notizia ufficilae è stata data, come sempre succede in questi casi, dal sito della stessa società di via Turati. Sul giovanissimo gioiellino brasiliano si è letto di tutto e si sa già quello che serve per capire che il suo futuro sarà sicuramente roseo. Andrà ad allenarsi con i suoi compagni sino a gennaio senza poter disputare gare ufficiali per poi aggregarsi alla squadra in maniera definitiva e potrà dispitare le gare ufficiali dopo la pausa natalizia. Ora si tratta di capire se questo colpo del Milan che, come dice lo stesso Ancelotti, va visto più che altro in prospettiva futura, possa essere l'unico movimento della società rossonera sul mercato estivo. La necessità di un'altro attaccante pare essere evidente, infatti anche oggi il Milan giocherà senza attaccanti vista la contemporanea indisponibilità di Inzaghi Ronaldo e Gilardino. Sui primi due ci potrebbero essere diversi interrogativi e dubbi sulla loro reale condizione fisica, quindi l'acquisto di una punta, anche non di primo livello potrebbe essere una buona mossa. Come sicuramente gioverebbe alla squadra l'acquisto di un difensore giovane e promettente, un difensore centrale o ancora meglio un esterno sinistro. Forse nessuno considera che se jankulosky non dovesse essere disponibile le uniche alternative sarebbero Favalli e Serginho, e certo non potrebbero dare garanzia di qualità. A centrocampo le alternative ci sono, e la squada punta moltissimo sul giovane Gurcouff, un centrocampista completo che a dire dei dirigenti rossoneri questanno sarà sicuramente decisivo e si integrerà al meglio con il resto della squadra, facendo esplodere il suo talento. Finalmente nella casella acquisti anche il Milan potrà inserire un nome (se escludiamo Ba come un acquisto).